Germania del Sud

Febbraio, 2015

Paesaggi innevati e architettura principesca

Il nostro viaggio in Germania alla scoperta del sud del Paese è stato lungo e itinerante. Abbiamo soggiornato per 5 notti a casa di mia sorella ad Augusta e per le restanti 4 notti in strutture abbastanza economiche. Ci siamo spostati sempre in bus per le distanze lunghe, mentre in Baviera – dove vale il Bayern-Ticket – abbiamo approfittato della carta di viaggio cumulativa per utilizzare il treno. Vi segnaliamo che nel nostro tour è mancata una gita a Lindau.

Durata del viaggio: 11 giorni, 9 notti
Alloggio: Itinerante
Budget: 450 € a testa
Itinerario di viaggio: Cagliari-Francoforte-Stoccarda-Augusta-Monaco-Füssen-Norimberga-Francoforte-Cagliari

Essendo stato un viaggio di durata medio-lunga, abbiamo anche tantissime cose da dire. Ci sono sicuramente stati degli “errori” nella costruzione del nostro pacchetto, ma, considerando che si tratta di un viaggio costruito da noi da zero possiamo ritenerci soddisfatti. Abbiamo tantissimi consigli per voi, se volete sapere nel dettaglio quello che abbiamo fatto e cosa abbiamo da raccontarvi date uno sguardo all’itinerario day-by-day e ai singoli post che trovate linkati qua sotto. Buon viaggio!

Giorno 1

Partenza da Cagliari con volo diretto per Francoforte. Prima passeggiata in città e cena in ristorante…messicano (prima scelta stramba del nostro viaggio!). Se volete sapere cosa pensiamo di Francoforte sul Meno e cosa a nostro parere vale la pena vedere potete continuare a leggere qua.

Giorno 2

Continua la nostra visita della città in mattinata. All’ora di pranzo prendiamo il bus per Stoccarda dove arriviamo a pomeriggio inoltrato. La stazione dei bus è fuori città (panico), in un primo momento non capiamo come raggiungere il centro e vediamo solo persone con torte sottobraccio che non sanno in che modo aiutarci. Com’è andata a finire e cosa vedere a Stoccarda.

Giorno 3

Visita del centro storico di Stoccarda nel quale si respira davvero un’aria da favola (spoiler: la città ci è piaciuta!). Abbiamo dovuto aggiungere al nostro itinerario una sosta medio-lunga da Starbucks causa nevicata (***) e in serata siamo arrivati ad Augusta (coperta di neve!). Se volete sapere cosa vedere a Stoccarda cliccate qua;cosa fare ad Augusta lo trovate qua.

Giorno 4

Dopo aver già percorso oltre 500 km in bus, abbiamo optato per una giornata di relax ad Augusta, dove ci sono alcune cosette carine da vedere (ne parliamo qua). Per nostra gioia c’era anche un sacco di neve e di mercatini nella piazza del Municipio: Natale a febbraio insomma!

Giorno 5

Gita a Füssen. Davvero una tappa imperdibile! Abbiamo visitato castelli fiabeschi (il castello a cui si è ispirata la Disney, per intenderci) e fatto una bellissima passeggiata sulla neve. Ma siamo davvero andati nel mese giusto? Se volete saperne di più su Füssen e su cosa si può vedere in questa incantevole cittadina di montagna potete leggere qua.

Giorno 6

Giornata a Monaco, con visita al campo di concentramento di Dachau. Non abbiamo pernottato in città, dal momento che la destinazione era facilmente raggiungibile da Augusta dove siamo comodamente tornati con uno degli ultimi treni. Impressioni e consigli su Monaco li trovate proprio qua.

Giorno 7

Abbiamo dedicato un’ulteriore giornata ad Augusta, un po’ per riposarci, un po’ per visitare quello che ancora non avevamo visto (Fuggerei merita sicuramente una visita se passate da queste parti). Di Augusta vi abbiamo parlato qua sopra, ma se vi siete persi il post potete cliccare qua e leggere cosa c’è da vedere in questa graziosa cittadina del Sud.

Giorno 8

Sveglia presto e partenza (in treno) per Norimberga. Il nostro itinerario prevedeva solo una breve sosta in città in attesa di proseguire verso Praga, dove siamo stati per qualche giorno prima di tornare in Germania. Se non avete intenzione di andare anche in Repubblica Ceca (che dalla Germania è molto vicina), potete dedicare una giornata alla visita di Lindau, in Baviera, che noi purtroppo non abbiamo visto.

Giorno 9

Nel nostro strambo viaggio questo non sarebbe esattamente il giorno 9, ma volendo saltare la parentesi Praga-Desda (a cui abbiamo dedicato in totale cinque giornate piene viaggi esclusi, i link di dettaglio sono proprio appena sotto) lo sarebbe stato. Di ritorno da Dresda abbiamo passato un giorno intero a Norimberga (con pernottamento) e qua vi raccontiamo cosa pensiamo di questa città.

3 Giorni a Praga

Il nostro bus tour prevedeva anche tre giorni a Praga. Se avete in mente un viaggio a tappe prendete in considerazione la possibilità di sconfinare in uno stato vicino, la distanza potrebbe essere identica a quella di un’altra città dentro il Paese. Noi siamo partiti da Augusta per fare una piccola tappa a Norimberga da cui qualche ora più tardi abbiamo preso un altro un bus diretto a Praga dove siamo giunti in serata.

2 Giorni a Dresda

Di ritorno da Praga, anziché andare dritti a Norimberga abbiamo aggiunto una tappa “intermedia” dedicando due giornate intere alla visita di Dresda. Il nostro desiderio era visitare una città della ex DDR. Saremmo rimasti soddisfatti? Per saperne di più su questa città “strana” cliccate qua. Il viaggio è regolarmente ripreso con direzione Norimberga, dove abbiamo salutato la mia sorellina.

Giorno 10

In mattinata visita di Norimberga, all’ora di pranzo partenza in bus per Francoforte. Ci siamo goduti la vista dalla Main Tower di sera e abbiamo cenato con un’amica a Francoforte, prima di andare a nanna per la nostra ultima notte in Germania.

Giorno 11

Al mattino presto abbiamo preso il bus per l’aeroporto di Francoforte Hann (125 km da Francoforte città, uno dei tanti compromessi dei voli low-cost), Nico ha dimenticato tutta l’attrezzatura fotografica a bordo e ha dovuto inseguire l’autobus in taxi per poterla recuperare. Fortunatamente nessuno aveva rubato la borsa e siamo potuti serenamente rientrare a casa.

Vale la pena di fare un bus tour? La nostra esperienza è stata globalmente positiva: siamo riusciti a vedere tantissimi posti, senza bisogno di accollarci lo stress della guida. Flixbus (al tempo alcuni bus erano ancora MeinFernbus) non ha quasi mai sgarrato rispetto ai tempi previsti (e nell’unica occasione in cui c’è stato un ritardo siamo stati tempestivamente avvisati tramite un sms). In due settimane abbiamo macinato oltre 2000 chilometri, farlo autonomamente sarebbe stato pesante, anche se non insostenibile. Il vantaggio principale, a nostro parere, consiste nel non doversi preoccupare della questione parcheggio, soprattutto per quanto riguarda gli alloggi (non sempre si trovano strutture dotate di posto auto e non avere questo vincolo non obbliga a restringere il campo di ricerca). Altro vantaggio è rappresentato certamente dal risparmio, soprattutto se acquistate i biglietti con un discreto anticipo. Noi li abbiamo prenotati tutti circa due mesi prima di partire e abbiamo trovato delle tariffe molto vantaggiose.

Il contro maggiore, invece, è che dovrete spesso trasportare i vostri bagagli, dalla stazione all’albergo e viceversa. Non sempre troverete dei depositi e talvolta sarà necessario fare qualche tratto di strada con le valige al seguito. Col senno di poi avremmo certamente optato per un bagaglio un po’ più leggero, ma fare le valigie alla perfezione è un’arte che si impara col tempo.

Il bus tour, per quanto ci riguarda, è una soluzione valida anche se non perfetta.

Mangiare & Bere nella Germania del Sud

1. Flammkuchen

Si tratta di una “pizza” dalla pasta molto sottile, condita tradizionalmente con cipolle, panna acida, erba cipollina e pancetta o salame. Non dovete aspettarvi il sapore della pizza, ma è davvero buona!

2. Bratwurst

Non esattamente un piatto gourmet, ma non è possibile andare in Germania senza assaggiare gli autentici würstel!

3. Carne di maiale

La maggior parte dei menù bavaresi sono a base di carne di maiale, che troverete, letteralmente, in tutte le salse

Ovunque andiate a mangiare non dimenticatevi di lasciare qualche euro di mancia. In Germania non esistono costi di coperto e servizio per cui lasciare la mancia è d’obbligo, per quanto a noi italiani possa sembrare strano. Potete (anzi dovete) lasciare la mancia anche quando pagate con carta o bancomat, molti scontrini hanno lo spazio dedicato per aggiungere l’importo che volete destinare alla mancia. Per scegliere quanto lasciare potete valutare la qualità del servizio ricevuto o il tipo di locale in cui siete. In ogni caso non sbaglierete aggiungendo almeno il 10-15% all’importo del conto. Non farlo è molto scortese e offensivo, cercate dunque di ricordarvene. Non prevedono mancia (ovvero nessuno si offenderà se in questo caso farete a meno di lasciarla) i fast-food e in generale i locali dove non si viene serviti.

Ultimi post

Lasciati ispirare, dai un’occhiata ai nostri aggiornamenti

Viaggiare in Germania

In Germania gli spostamenti all'interno dei Land godono di tariffe agevolate. In Baviera, ad esempio, noi abbiamo sempre utilizzato il Bayern Ticket, un biglietto cumulativo giornaliero molto conveniente. Lo si può acquistare facilmente direttamente alle macchinette...

Norimberga

Ultima tappa del nostro bus tour nella Germania del Sud.Siamo arrivati qua nel primissimo pomeriggio, da Dresda, e siamo rimasti in città per poco meno di ventiquattro ore alloggiando in pieno centro all’Ibis Hotel di Königstraße

Cartoline da Lindau

Il nostro racconto fotografico della meravigliosa cittadina bavarese affacciata sul lago di Costanza. La torre del Mangturm con la treccia di Raperonzolo che spunta dalla finestra è una delle cose più carine e caratteristiche della città. Se non alloggiate a Lindau, ma nelle vicinanze, potete organizzare una gita in giornata

Non perdere neanche un istante!

Seguici sui nostri canali Facebook, Instagram e Youtube per non perdere neanche un post, un video o una foto dei nostri viaggi!

error: Content is protected !!

Pin It on Pinterest

Share This