Dresda, cosa resta?

Febbraio, 2015

Freddo romanticismo

I costi contenuti del nostro soggiorno a Dresda si devono al fatto non abbiamo preso alcun volo (siamo arrivati in bus da Praga), non abbiamo speso eccessivamente per mangiare e abbiamo alloggiato in una “suite” (almeno così recitava la prenotazione) tripla – oltre al letto matrimoniale era presente anche un divano letto non molto comodo e abbastanza piccolino. In compenso il prezzo era veramente ottimo: il totale per due notti era di soli 166 euro, da dividere per tre.

Durata del soggiorno: 2 giorni, 2 notti
Alloggio: Altmarkt, Star Inn Premium
Budget: 130 € a testa
Itinerario di viaggio: Praga-Dresda

Dresda, ex Germania Est. È stato un sentimento “nostalgico” che ci ha portati ad aggiungere nel nostro itinerario una città abbastanza distante dalla zona di Monaco-Augusta, ma di strada tornando da Praga. Intendiamoci, poco c’è da essere nostalgici su alcuni aspetti, ma la nostra curiosità ci spingeva a ricercare i “segni” di un passato tutt’altro che remoto.

Quando ero stata a Berlino, nel 2005 (un sacco di tempo fa ormai) una delle cose che più mi aveva colpita era la differenza, ancora palpabile, tra est e ovest, anche se il muro resta solo per un breve tratto a memoria di quello che è bene non si dimentichi mai.

Primo impatto

A Dresda non abbiamo notato niente del genere. Anche se certamente è una città nella quale si respira un’aria… strana, se così si può dire.

Appena scesi dal bus, alla stazione centrale, ci siamo trovati davanti un’imponente piazza che conduce verso l’immancabile via dello shopping. Bene, fin qui niente di nuovo. La grande via dello shopping è una certezza nelle città tedesche. Scherzi a parte, è davvero strano per chi è abituato a essere inserito in un contesto “storico” trovarsi in una città palesemente sventrata e ricostruita. Ma tant’è.

Ci siamo avviati verso il nostro albergo a piedi, non dovevamo percorrere tantissima strada. Abbiamo alloggiato allo Star Inn Premium, nella carinissima Altmarkt. Durante il nostro soggiorno, nella piazza antistante l’albergo, era allestita una pista di pattinaggio sul ghiaccio, con qualche chiosco in legno, tavoli per mangiare, giochi per bambini. Davvero carino.

Purtroppo per noi siamo stati accolti da una manifestazione xenofoba. Siamo capitati in città in un periodo di tensioni, come testimoniano anche i messaggi – almeno questi incoraggianti – sulle facciate e finestre dell’Albertinum (nella foto a fine pagina).

Il centro storico di Dresda, comunque, ha il suo perché. È molto curato e gradevole. Ed è anche contenuto, quindi non rischierete di perdervi. Anzi, riuscirete a vedere tutto quello che vi interessa in poco tempo. Il nostro soggiorno prevedeva un primo pomeriggio nel quale abbiamo familiarizzato con la città concedendoci anche una pausa shopping e un’intera giornata. Siamo ripartiti dunque dopo una buona colazione in centro dopo aver trascorso in città un giorno e mezzo.

Giorno 1

Essendo arrivati di pomeriggio ci siamo limitati a una passeggiata lungo la via dello shopping e nei pressi del nostro albergo, procedendo verso il fiume Elba. Abbiamo optato per lo street food bavarese offerto dalle bancarelle allestite nella piazza antistante l’hotel, brindato con della buona birra e osservato con ammirazione tutti coloro che pattinavano sul ghiaccio  –  noi ci abbiamo rinunciato, ci tenevamo ad essere in forma per l’intesa giornata di visita che ci attendeva l’indomani. L’atmosfera era molto molto bella, dal sapore veramente tedesco (con birra e würstel a volontà).

Dresda è una città facile da esplorare, volendo potete pensare anche a una visita in giornata.

Giorno 2

In direzione Frauenkirche, abbiamo esplorato il piccolo centro storico, Neumarkt, proseguendo fino alla bella Brühlsche Terrasse (da cui si ha una bella vista sull’Elba) e l’Albertinum. Abbiamo visitato il Museo Festung (dove potete vedere dei sotterranei, molto bello) e poi ci siamo diretti verso Theaterplatz, con sosta al Fürstenzug – il murale che racconta la successione dei principi tedeschi sulla facciata delle vecchie scuderie reali (Stallhof), e naturalmente all’adiacente Castello di Dresda. Nel pomeriggio visita all’imperdibile Zwinger, un bellissimo palazzo in stile barocco (ahimè quasi interamente ricostruito dopo la seconda guerra mondiale).

L’indomani mattina siamo partiti presto alla volta di Norimberga, di cui vi raccontiamo qua.

Impressioni su Dresda

Se chiedete a mia sorella che cosa pensa di Dresda vi dirà che è una città nella quale non tornerebbe. Io non so se mi sento davvero di condividere questo giudizio così netto, né se, come a lei, la città non mia sia piaciuta. Dresda è una città sulla quale tutti riponevamo grandi aspettative prima della partenza, aspettative che sono state in parte deluse, credo anche a causa del fatto che venivamo da tre giorni di pura bellezza a Praga.

C’è poi il fatto, come abbiamo già detto, che le città tedesche sono abbastanza ripetitive e un po’ “povere di storia”. Si ha spesso l’impressione di aver “già visto” ciò che si vede ed è questo il motivo per cui è preferibile, secondo noi, optare per i piccoli centri e dedicare alle città più grandi delle visite “mirate”. Probabilmente poi il fatto che siamo capitati in una settimana “calda” è stato un altro elemento a sfavore della città che non ha avuto modo di mostrare il suo lato migliore. Non ci siamo davvero sentiti insicuri (anzi, abbiamo trovato quasi tutte le città tedesche molto tranquille). Ma certamente, tenendo conto di tutti i posti che abbiamo visitato in due settimane, l’aria di Dresda era quella meno serena. Ciononostante la mia opinione è che il centro storico barocco valga la pena di essere visto, almeno con una gita di un giorno.

Da non perdere

1. Passeggiata in centro

Il piccolo centro di Dresda permette una visita molto agevole della città. In poche ore avrete visto quasi tutti i punti di interesse senza stancarvi troppo

2. Zwinger

Se siete indecisi su cosa vedere e avete poco tempo questo sito vale assolutamente la pena

3. Passeggiata al fiume

O magari una gita in barca, se il tempo lo consente

Praga

Durante il nostro viaggio in Germania abbiamo deciso di fare tappa anche in Repubblica Ceca, nella bellissima Praga. Dalla prima volta che sono stata in questa città ho pensato che fosse incanta. E in effetti l’aria che si respira da queste parti è proprio magica

Ultimi post

Lasciati ispirare, dai un’occhiata ai nostri aggiornamenti

Viaggiare in Germania

In Germania gli spostamenti all'interno dei Land godono di tariffe agevolate. In Baviera, ad esempio, noi abbiamo sempre utilizzato il Bayern Ticket, un biglietto cumulativo giornaliero molto conveniente. Lo si può acquistare facilmente direttamente alle macchinette...

Norimberga

Ultima tappa del nostro bus tour nella Germania del Sud.Siamo arrivati qua nel primissimo pomeriggio, da Dresda, e siamo rimasti in città per poco meno di ventiquattro ore alloggiando in pieno centro all’Ibis Hotel di Königstraße

Cartoline da Lindau

Il nostro racconto fotografico della meravigliosa cittadina bavarese affacciata sul lago di Costanza. La torre del Mangturm con la treccia di Raperonzolo che spunta dalla finestra è una delle cose più carine e caratteristiche della città. Se non alloggiate a Lindau, ma nelle vicinanze, potete organizzare una gita in giornata

Non perdere neanche un istante!

Seguici sui nostri canali Facebook, Instagram e Youtube per non perdere neanche un post, un video o una foto dei nostri viaggi!

error: Content is protected !!

Pin It on Pinterest

Share This